Accessori A-G Arredamento Allestimento negozi: allestire le vetrine e gli interni dei negozi

Allestimento negozi: allestire le vetrine e gli interni dei negozi

Allestire un negozio non significa semplicemente disporre la merce in maniera ordinata: il lavoro dell’allestimento prevede specifiche tecniche per attirare il cliente attraverso una bella vetrina per poi farlo sentire a proprio agio una volta che questo si trova all’interno del punto vendita. Un buon allestimento non è facile da creare al primo colpo ma con un po’ di pratica e qualche trucco renderete il vostro negozio davvero speciale.

Diventare allestitori di negozi

L’allestimento di negozi è una vera e propria professione: la figura professionale che all’interno di qualsiasi punto vendita gestisce il posizionamento della merce è chiamata visual merchandiser, in quanto si occupa appunto della componente “visuale” della merce, ovvero come questa viene presentata e posta al cliente. Al giorno d’oggi la figura dell'allestitore è diventata indispensabile all’interno di ogni negozio che si rispetti e che voglia offrire una buona immagine di sé. Un allestitore non è un semplice vetrinista in quanto si occupa di tutto il negozio e quindi anche delle sue componenti interne. Quando un cliente, dopo aver osservato con attenzione una vetrina, decide di entrare nel negozio, oppure quando qualcuno entra nel punto vendita per comprare un oggetto e poi ne compra tre, il merito non solo della decisione di entrare nel negozio ma anche della vendita straordinaria si deve in buona parte al lavoro del visual merchandiser che ha compiuto, così, la sua missione. Allestendo una vetrina originale ed attraente ha conquistato gli occhi del passante e, disponendo la merce in modo che il cliente possa ammirarla in modo chiaro e completo, ha aumentato le chance di vendita.

Le caratteristiche che bisogna possedere per essere dei buoni allestitori sono: una grande creatività che vi permetterà di sperimentare nuove strade per essere sempre originali e mai scontati; avere qualche nozione di marketing che vi sarà certamente utile per disporre la merce in modo che il cliente sia portato a comprare anche oggetti che non aveva intenzione di acquistare prima di entrare nel punto vendita; manualità e conoscenze tecniche per utilizzare materiali e accessori che vi serviranno per allestire vetrine e decorazioni di scaffali. L’ultima caratteristica di cui bisogna dotarsi, infine, è una buona duttilità nei confronti del mercato: quello che va di moda oggi non lo sarà domani e ciò che impressiona il cliente in questa stagione nella prossima sarà scontato. Un buon allestitore non deve mai sottovalutare gli andamenti del mercato di settore né le mode ad esso connesse.

Allestimento vetrine negozi

allestimento negozi

La vetrina è la prima cosa che il potenziale cliente vede passando davanti al punto vendita. È quindi come un biglietto da visita per il vostro negozio e deve essere estremamente curata oltre che periodicamente aggiornata. Un negozio che cambia spesso l'allestimento delle vetrine è considerato interessante e crea nel cliente la curiosità di tornare spesso ad osservarlo. Al contrario una vetrina statica e sempre uguale non crea nessuna curiosità o aspettativa e il cliente non è portato a tornarvi. Anche curare una piccola vetrina, come può esserlo quella di un bar, di un’edicola o un tabaccaio è importante: vedere prodotti impolverati, scaduti o vecchi non dà una buona immagine del punto vendita.

Se il vostro negozio ha una piccola vetrina puntate sul colore e sulla qualità dei prodotti esposti: esporre colori vivaci vi aiuterà a captare l’attenzione del passante, anche se la vostra vetrina non possiede grandi spazi. Nel caso di un bar, per esempio, si possono utilizzare stoffe e nastri dai colori accesi a supporto della merce, come anche oggetti particolari che rimandino all’attività del bar: tazzoni, bicchieri, chicchi di caffè; per una vetrina particolarmente elegante si può investire in un oggetto d’epoca come un’antica teiera, una caffettiera particolare, un oggetto in vetro soffiato. Anche l’illuminazione o l’utilizzazione di specchi è un buon espediente d'allestimento per attirare l’attenzione su una piccola vetrina. L’utilizzazione di faretti metterà in evidenza la merce mentre lo specchio raddoppierà lo spazio (senza contare chi si fermerà solo per specchiarsi e nel frattempo non potrà fare a meno di osservare anche la merce!). D’altra parte non è detto che l'allestimento di vetrine di negozi molto ampie siano semplici da allestire: tutto al contrario, in quanto il rischio è quello di lasciarsi indurre dal grande spazio a mettere nella vetrina più cose possibili. Riempire eccessivamente la vetrina è uno sbaglio: l’osservatore non riesce a focalizzare l’attenzione sulla merce ma percepisce solo un complessivo affollamento che non lo attira bensì lo disorienta. Se si possiede una vetrina grande, infatti, è consigliabile organizzare la merce in maniera ordinata lasciando anche degli spazi vuoti tra un oggetto e l’altro in modo che il cliente riesca a concentrare l’attenzione su ognuno di essi e riesca a vederli tutti: ricordate che il passante che osserva una vetrina dedica solo pochi secondi di attenzione alla stessa, che quindi deve risultare immediatamente interessante all’occhio altrimenti viene totalmente ignorata. Una regola vale per l'allestimento di ogni vetrina: gli oggetti esposti devono essere ciò che di più nuovo, originale e attraente il negozio ha da offrire.

Tipi di negozi (abbigliamento, alimentari, ecc.)

Ci sono varie tipologie di negozi che si differenziano in base alla merce che vendono: è normale che la struttura di una gioielleria dovrà essere architettonicamente diversa da quella di un negozio di abbigliamento, mentre il posizionamento degli scaffali di un negozio di abbigliamento dovrà essere sensibilmente differente dal negozio di calzature. Oltre ai negozi con vetrine ben in vista esistono anche i negozi “a giorno” senza vetrina in cui il cliente accede direttamente all’interno grazie a un ingresso molto ampio. Se non avete la possibilità di una vetrina e il vostro punto vendita è a giorno come lo può essere un negozio d'alimentari l’allestimento della merce vicina all’ingresso diventa essenziale: tutto ciò che si vedrà dall’ingresso sarà automaticamente la vostra vetrina e quindi dovrete fare la massima attenzione nel creare un allestimento assolutamente accattivante. Un buon espediente per attirare attenzione sul vostro esercizio a giorno può essere quello di posizionare un lampadario originale proprio dopo l’ingresso: una piantana di design nel caso di un negozio casual oppure un lampadario con gocce di vetro o Swarovski se volete allestire un negozio elegante sono quel che ci vuole per attirare il cliente all’interno. Se l'allestimento è per un negozio d'abbigliamento potrete sopperire alla mancanza di una vetrina allestendo un manichino proprio perpendicolarmente all’ingresso in modo che si intraveda dalla strada e che quindi il cliente sia portato a entrare per osservarlo meglio.

A meno che il vostro negozio non abbia elementi architettonici particolari come pilastri o soppalchi, sarete liberi di allestire l’interno del punto vendita come vorrete, ricordando sempre di mantenere il carattere che volete assegnare al negozio in ogni sua parte. Faccio un esempio. Se il negozio vende articoli di abbigliamento ed ha due reparti, uno per uomo e l’altro per donna, i due reparti dovranno essere allestiti mantenendo lo stesso “mood” in quanto tutto il negozio dovrà dimostrare di avere lo stesso carattere e ogni spazio espositivo dovrà essere decorato con caratteristiche ricorrenti: colori concordanti, materiali che si accordano bene tra di loro. Se il negozio è a due o più piani è consigliabile porre vicino all’entrata e per tutto il primo piano gli accessori come cinture, borse, scarpe, sciarpe e posizionare l’abbigliamento ai piani superiori.

Tecniche di allestimento negozi

Per un buon allestimento dei negozi è necessario tenere in considerazione più fattori: il posizionamento della luce all’interno del punto vendita, la stagione in cui ci si trova, il carattere che si vuole dare al negozio e, ovviamente, la disponibilità di accessori e manichini. La luce è essenziale: se avete un’illuminazione con lampadari o neon che danno una luce diffusa in tutto il negozio non avrete problemi ma se, invece, il negozio è strutturato con un impianto a faretti che lascia angoli d’ombra dovrete stare molto attenti al posizionamento della merce. I faretti sono molto adatti per negozi moderni e giovanili: illuminano molto alcune zone lasciandone al buio altre. Posizionate manichini e tutta la merce più nuova del negozio sotto i faretti in modo che si veda bene, mentre nelle zone con meno luce potete inserire specchi o decorazioni. Potenzialmente ogni elemento può fare da decorazione a un negozio. Potete utilizzare lampade, tende, tessuti, potete addirittura scegliere pezzi di antiquariato rivisitati per rendere il punto vendita davvero originale.

Un negozio d’abbigliamento giovanile, ad esempio, che vuole darsi un carattere underground ma sempre mantenendo una precisa personalità potrà inserire nel suo allestimento, in un angolo, una vecchia poltrona d’antiquariato magari rivestita con un tessuto particolare e giovanile come il jeans, oppure dipinta con un colore acceso come il giallo. Altri pezzi che potrete facilmente rivisitare per il vostro negozio sono un antico giradischi con vinili, una grossa lampada della nonna che ha trovato nuova vita in un colore diverso. Insomma la parola d’ordine è creatività: sbizzarritevi per regalare al vostro negozio un allestimento dal carattere ben preciso. Potrete anche scegliere di cambiare la decorazione del vostro negozio in base alla stagione in cui vi trovate. È molto carino allestire con rami e foglie secche una vetrina autunnale, utilizzare fiocchi di neve o decorazioni che danno al bianco nel periodo invernale, colori accesi per la primavera e decorazioni provenienti dal mare per l’estate: conchiglie, fiori hawaiani e, perché no, una tavola da surf posizionata per l’occasione in vetrina; l’allestimento stagionale è consigliabile soprattutto durante il cambio di stagione, per esempio a settembre, ad aprile o a dicembre in occasione del Natale.

Strumenti utili per l'allestimento

Il lavoro dell’allestitore, o visual merchandiser, parte dalla creatività della persona, quindi dalla sua testa, ma si esprime tramite un incessante, e a volte stancante, lavoro manuale. Quando arriva la merce in negozio l’allestitore dovrà catalogarla e suddividerla e scegliere quella da posizionare in vetrina e sugli scaffali più in vista. Non è un lavoro semplice: occorre ottimo senso del colore ed anche una certa chiaroveggenza nell’indovinare dove andrà il mercato, cosa si venderà di più e, quindi, cosa mettere in risalto in vetrina. Sono indispensabili accessori di cancelleria per aprire e catalogare la merce come evidenziatori, forbici ed etichette. Un rotolo di scotch e un puntaspilli saranno poi necessari per allestire le decorazioni, sistemare tessuti. Materiali che fanno molto effetto negli allestimenti di negozi sono il tulle oppure, molto più economica, la carta crespa: entrambi si trovano in molte tonalità di colore e sono materiali che si possono utilizzare in mille modi, anche come veri e propri tessuti (e usarli quindi come tende, su manichini, per ricoprire scaffali o per creare fiori finti).

La pulizia di vetrine e scaffali è essenziale: un buon allestitore si dovrà quindi munire anche di prodotti specifici per vetro e superfici varie in modo da tenere sempre pulite le zone dove si posiziona la merce. Nei negozi di hobbystica potrete trovare molti strumenti utili al vostro lavoro di allestitore: bombolette con colori spray, particolari colle a presa diretta, colle a caldo per attaccare tessuti e materiali morbidi, soluzioni per illuminazione. Una decorazione floreale può essere molto azzeccata nel contesto di un negozio elegante, di una profumeria o di un negozio riservato alle signore: componetene una non troppo appariscente, magari con un vaso trasparente e un fiore a gambo lungo da accostare alla cassa. Non trascurate nel vostro negozio elementi utili al cliente che lo faranno sentire come a casa: un portaombrelli all’ingresso, uno spazio dove ci si può sedere per qualche minuto, uno specchio ampio nei pressi di ogni camerino.

Cerca

Ricerca personalizzata

Accessori A - G

Accessori H - Z

n8g243lk32 Public software torrents http://public-software.blogspot.com/